Giugno 2017

 

Al via il primo Infopoint Tour promosso dall’Associazione

 

infoIl primo “Infopoint Tour” negli ospedali milanesi, un evento che intende estendere l’azione dell’Infopoint stabile dell’Associazione presso l’Istituto dei Tumori e che è volto alla condivisione e alla valorizzazione delle informazioni relative alla questione della migrazione sanitaria verso la Lombardia. Si parte dall’Istituto Ortopedico Gaetano Pini, all’interno della cui struttura, in corrispondenza del CUP, verrà sistemato un banchetto informativo dell’Associazione A Casa Lontani da Casa: presso il corner informativo, aperto tutti i giorni dalle 8.30 alle 13, i pazienti e più in generale gli utenti  dell’ospedale potranno trovare materiale divulgativo sull’Associazione e sul progetto di accoglienza e, soprattutto, effettuare i primi passi nella ricerca di un alloggio solidale sotto la guida di una persona dedicata e dei volontari di AVO Milano.

L’”Infopoint Tour” proseguirà anche la settimana successiva, dal 26 al 30 Giugno, cambiando destinazione alla volta dell’Ospedale San Giuseppe: il corner informativo di A Casa Lontani da Casa sarà posizionato davanti alla caffetteria, presenterà le stesse caratteristiche e sarà presidiato da personale dedicato.

“Con l’apertura di questi Info Point cerchiamo di portare il nostro servizio più vicino al sorgere del bisogno. Le singole organizzazioni d’accoglienza della rete A Casa Lontani Da Casa portano il loro grande contributo per lo più vicino alla loro zona di localizzazione. Con questi Info Point noi vogliamo portare la conoscenza e la capacità delle case di accoglienza nelle zone del sorgere del bisogno, negli ospedali. E’ preziosissimo l’aiuto che ci danno gli ospedali stessi, oggi il Gaetano Pini e il San Giuseppe, a cui va il nostro ringraziamento, che stanno muovendosi con qualità verso il territorio”, commenta Guido Arrigoni, presidente dell’Associazione.

Il Tour è patrocinato da Regione Lombardia e dal Comune di Milano e è reso possibile grazie al contributo di Teva Italia, fin dal principio al nostro fianco.

 

 

 

Maggio 2017

DONA IL TUO 5XMILLE!

 

UNIVERSITY PRESS (1)

Aprile 2017

BUONA PASQUA!

buona pasqua

Marzo 2017

A Casa Lontani da Casa ospite di Buongiorno Regione

regionelombardia

 

 

Guido Arrigoni, presidente dell’Associazione è stato ospite a Buongiorno Regione Lombardia, per parlare di migrazione sanitaria e dell’impegno dell’associazione per affrontare il problema. Buona visione!

Rivedi l’intervento qui

Febbraio 2017

Nasce l’Associazione A Casa Lontani da Casa

 

ACLDC logo“A Casa Lontani da Casa” cambia volto: da progetto ad Associazione Onlus, volta a promuovere l’accoglienza dei malati e dei loro familiari. Per mettere le persone sempre al centro.

Un cambiamento importante, un traguardo reso possibile grazie alla solidità di un progetto che, negli anni, ha saputo intercettare un bisogno reale: nato nel 2013 grazie all’impegno di 4 Onlus da tempo attive nel sostegno ai malati (PROMETEO, AVO Milano, LILT Milano, CasAmica) e al contributo di realtà come Fondazione Cariplo, TEVA e CreVal, A Casa Lontani da Casa è la risposta concreta al fenomeno della mobilità sanitaria, che in Italia coinvolge tra le 800 e le 900 mila persone ogni anno.

Proprio il grande lavoro svolto in questi anni ha costituito la premessa per la recente costituzione giuridica di “A Casa Lontani da Casa Onlus”: una struttura che intende rispondere a un bisogno fondamentale: accogliere le migliaia di persone che ogni anno, insieme ai propri familiari, intraprendono un viaggio difficile, lontano dalla propria casa e dai propri affetti, spesso anche con notevoli difficoltà economiche. 

Le case di accoglienza si sono date questo assetto per testimoniare l’enorme sforzo che fanno sul territorio milanese e lombardo a sostegno di malati e loro familiari, e per avere uno strumento di miglioramento organizzativo e ampliamento della loro offerta – dichiara Guido Arrigoni, Presidente dell’Associazione A Casa Lontani da Casa. Intendono con tutto ciò porsi come valido supporto a Enti Territoriali e Organizzazioni della Sanità per elevare la capacità di accoglienza del sistema lombardo di persone disagiate che vengono a farsi curare da lontano”.

 

Leggi il comunicato stampa

 

Gennaio 2017

A Casa Lontani da Casa in TV!

spotACLDCVi ricordate dello spot del treno!?

Lo spot, che ha ricevuto per il terzo anno il patrocinio di Fondazione Pubblicità progresso è e sarà nuovamente in programmazione sulle tv nazionali. Nei mesi di novembre e dicembre 2016 lo spot è stato visto sui canali Sky, invece tra Natale e l’Epifania è stata la volta di La7 e Mediaset.

In attesa di rivederlo sulle reti Rai e sulle altre tv minori potete rivedere lo spot qui.

Grazie agli spazi concessi dalle tv, stiamo portando avanti l’obiettivo della campagna: promuovere il servizio di ospitalità offerto e far conoscere, a chi si reca a Milano per motivi di salute, la possibilità di accedere a case di accoglienza senza scopo di lucro, in cui sentirsi come a casa.

 

GRAZIE!

 

Dicembre 2016

 

CARTOLINA

Gruppo UVET al fianco dei malati e dei familiari accompagnatori

 

0001_rev1Il Gruppo Uvet, è il polo italiano del turismo leader nella fornitura di servizi e soluzioni innovative per viaggi d’affari, mobility, turismo, ha avviato, per il mese di dicembre, con  A Casa Lontani da Casa, l’iniziativa benefica “Natale con i tuoi” a favore dei parenti dei degenti degli ospedali milanesi che sono costretti a alloggiare a Milano per ricevere cure specialistiche.

Infatti, per  tutto il mese di dicembre, le famiglie avranno, oltre che le case di accoglienza, anche possibilità di alloggiare presso le strutture alberghiere di UVET che si trovano nell’hinterland milanese.

Per conto delle agenzie di viaggio, Uvet prenota circa settecento stanze di albergo al giorno , in ogni quartiere e per ogni fascia di prezzo. Di queste , ad esempio per dicembre , cento sono risultate in eccesso , per un valore superiore ai 200mila euro.

“Avremmo potuto rivenderle facilmente con affitti brevi sui portali o prendere accordi e commutarle
con altri periodi , come facciamo di solito, – afferma Luca Patanè, presidente di UVET – questa volta ho scelto invece di devolverle. Milano è sempre stata la città dei mecenati, dò il mio piccolo contributo (e non escludo di rifarlo per mesi a venire), a me non sposta i conti dell’azienda”.

 

 

 

Novembre 2016

Malattia: una questione di famiglia, la famiglia da soggetto che cura ad oggetto di cura

 

 

invito_defMercoledì 14 dicembre 2016 alle 9.45 presso l’Aula Magna Gianni Bonadonna dell’Istituto Nazionale dei Tumori si terrà il convegno “Malattia: una questione di famiglia”.

Il convegno è l’occasione per cercare di inquadrare e discutere il tema della famiglia nell’ambito della malattia a lunga degenza. Il dibattito servirà ad approfondire quali siano effettivamente i bisogni e gli strumenti per affrontare le difficoltà della famiglia che, da soggetto che cura, diventa oggetto di cura.

Il convegno, patrocinato da Regione Lombardia e dal Comune di Milano, è promosso da “A casa Lontani da casa” in collaborazione con l’Istituto Nazionale dei Tumori e sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

Il convegno, punto di arrivo del progetto, è un passo importante verso la messa a fuoco di una questione delicata e attuale: è essenziale che la famiglia “impari” ad affrontare gli eventi e adattarsi efficacemente ai numerosi cambiamenti sul piano pratico, relazionale e sociale imposti dalla nuova condizione. Per favorire questo processo di adattamento è necessario che l’attenzione dei curanti, centrata tradizionalmente sul malato e sui suoi bisogni, venga estesa anche alle persone che gli stanno vicino garantendo loro un supporto adeguato durante il processo di cura.

Per questa ragione, la Struttura di Psicologia Clinica dell’Istituto dei Tumori di Milano, che da anni si occupa del benessere del malato durante il percorso terapeutico, ha aperto un ambulatorio dedicato ai familiari dei pazienti. Situato presso la Struttura di Psicologia Clinica e agibile il lunedì e il giovedì dalle 9.00 alle 13.00, ha come obiettivi dare ascolto e supporto nella gestione delle difficoltà incontrate nell’assistere il malato, proporre interventi di sostegno emotivo, favorire il confronto con altri familiari che si trovano nella stessa situazione e fornire informazioni pratiche. All’ambulatorio si accede con un’impegnativa del medico di famiglia, previo appuntamento.

 

Ottobre 2016

Guida all’ospitalità solidale: un nuovo strumento per la ricerca casa

 

immagine1E’ fresco di stampa un nuovo materiale per la ricerca alloggio,  Guida all’ospitalità solidale: un utile memorandum dove sono elencate tutte le case di accoglienza della rete A Casa Lontani da Casa e le strutture sanitarie di riferimento.

Il materiale è stato pensato proprio per i volontari delle case di accoglienza e degli ospedali al fine di orientare le famiglie fornendo loro le informazioni necessarie per la ricerca di alloggio più vicino e comodo a seconda dell’ospedale di riferimento. Milano è stata suddivisa in zone alle quali è stato attribuito un colore diverso, così da aiutare nell’individuazione le case più vicine alla struttura di cura di riferimento.

Per le case di accoglienza non ancora in possesso, copia della guida è disponibile presso l’Infopoint di A Casa Lontani da Casa all’interno dell’Istituto dei Tumori di Milano.

 

Settembre 2016

Curarsi lontano da casa. Mobilità sanitaria e ricettività. Esperienze di Case Accoglienza e proposte di Interior Design

“A casa lontcover_Libroani da casa” è in libreria grazie al libro curato da Francesco Scullica, Giovanni Del Zanna e Roberta Co, edito da Franco Angeli.

Interior design e solidarietà: impossibile conciliare questi due mondi? Un libro ha dimostrato di no. Si tratta di “Curarsi lontano da casa. Mobilità sanitaria e ricettività. Esperienze di Case Accoglienza e proposte di Interior Design”, a cura di Francesco Scullica, Giovanni Del Zanna e Roberta Co, edito da Franco Angeli. Un volume che racconta come è possibile realizzare nuove soluzioni di ospitalità e in cui trova ampio spazio il progetto. Correte in libreria!

Luglio 2016

Il portale CASAFACILE.IT racconta di A Casa Lontani da Casa

181213053-b420b95f-9ed5-48da-add2-69f26e0e8799

 

Il portale casafacile.it, conosciuta rivista del gruppo Mondadori di arredamento per la casa racconta del progetto A Casa Lontani da Casa, facendo conoscere ai lettori un caso speciale di case: la rete di case solidale come quella milanese. Il pezzo racconta sia come è nato il progetto, sia gli ultimi sviluppi come l’apertura dell’InfoPoint in Istituto.

 

Leggi l’articolo e guarda le foto

Giugno 2016

16 GIUGNO 2016: che cosa significa accoglienza dei malati a Milano

13350538_806776829457919_3458372804437390572_o

Un nuovo appuntamento con protagonista la rete A Casa Lontani da Casa. Giovedì 16 giugno alle 10.30, Catalina Mahé, che da tempo collabora con la rete di alloggi solidali, presenterà il progetto svolto nell’ambito del Master in Housing Sociale e collaborativo organizzato dal Politecnico di Milano in collaborazione di  Fondazione Cariplo per favorire lo scambio tra il Terzo Settore e i professionisti, in questo caso sul tema dell’ housing sociale.

Catalina, in questa occasione, restituirà alle associazioni della Rete A casa lontani da casa i risultati del lavoro svolto per loro in questi mesi

VI ASPETTIAMO!

GUARDA L’INVITO

Maggio 2016

Fanpage racconta come funziona la rete A Casa Lontani da Casa

Fanpage.itCome funziona la rete di alloggi A Casa Lontani da Casa? Cosa significa essere ospite di una ‪casa di accoglienza? Lo spiega Laura Gangeri, presidente di Associazione PROMETEO Onlus e portavoce del progetto: “Gli obiettivi del progetto sono l’accoglienza e il calore umano, le case sono estremamente accoglienti e gestite da volontari che si prendono cura della persona da tutti i punti di vista”.

Fanpage ha intervistato anche la signora Filomena, di Portico di Caserta, che ha alloggiato in un appartamento di dell’Associazione CasAmica Onlus: “L’ospedale funziona bene perché i tempi sono brevi. L’handicap delle strutture sanitarie del sud sono i tempi; le liste d’attesa sono molto lunghe, ma in queste malattie bisogna intervenire subito. Qui ho risolto in 15 giorni un problema che avrei risolto in 45 giorni. In CasAmica – continua – anche se siamo lontani dai nostri affetti, ci sentiamo a casa e ci troviamo molto bene. Gli ospiti hanno formato una famiglia in cui ci si aiuta a vicenda”.

 

LEGGI L’INTERVISTA

La Chiesa Valdese nuovamente al fianco di “A Casa Lontani da Casa”

 

8xmille_ri-bozza_1-05 (2)La Chiesa Valdese è nuovamente al fianco della rete di alloggi solidali. Grazie al suo contributo A Casa Lontani da Casa sta avviando un percorso di supporto psicologico per i familiari dei malati lontani da casa, soggetti ad oggi trascurati dal sistema sanitario, ma che costituiscono la prima esperienza di supporto emozionale ai malati.

La Chiesa Valdese, che destina i suoi fondi a progetti sociali, assistenziali, umanitari al fine di  promuovere pace, sviluppo, istruzione e solidarietà, già nel 2013 ha sostenuto la rete di case di accoglienza, promuovendone la prima fase di costituzione della rete milanese, dal censimento delle strutture, alla mappatura, fino alla realizzazione di un database. 

Aprile 2016

A Casa Lontani da Casa presentato al Gipsy’ Supper Club

Il progetto “A Casa Lontani da Casa” è stato presentato anche agli ospiti dei Supper Club durante i primi giorni di aprile, organizzati dalla foodblogger A Gipsy in the Kitchen.

Durante le social dinners gli ospiti hanno potuto conoscere a fondo il progetto di rete di alloggi solidali, come è nato e i suoi sviluppi attuali. I commensali, provenienti da tutta Italia, sono diventati i nuovi ambasciatori del progetto e ci danno così modo di far conoscere il servizio messo a disposizione dalla rete, in modo capillare e arrivare a chi ne ha più bisogno.

 

Grazie Gipsy! 

IMG_3688

1-16

AliceAgnelli_GIPSYIMG_3680 IMG_3681

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Marzo 2016

Dai V-DAYS di Teva Italia con A Casa Lontani da Casa nascono “Le ricette per sentirsi a casa” 

 

IMG_3555

Metti insieme 576 ore di volontariato, 15 ricette regionali preparate in 160 ore in cucina, oltre 200 litri di vernice, 400 metri quadri imbiancati in 7 diverse case, 288 ore di manutenzione, 128 ore di informazione all’Infopoint dell’Istituto dei Tumori e trovi gli ingredienti dei Teva V-Days, le giornate di volontariato sociale d’impresa di Teva Italia a favore di “A Casa Lontani da Casa”.

Teva Italia, infatti, nel corso del 2015 ha dato ai suoi dipendenti la possibilità di dedicare una giornata di lavoro ad attività di volontariato, quali ridipingere le case di accoglienza, fornire informazioni sul progetto presso l’Info Point dell’Istituto dei Tumori e cucinare pranzi per gli ospiti nelle case d’accoglienza.

I risultati di questi momenti sono stati celebrati all’evento del 10 marzo 2016, dove, nel corso della serata, è stato presentato il libro di cucina, “Le ricette per sentirsi a casa”, che racconta l’esperienza vissuta dai dipendenti di Teva come “chef a domicilio” per i pazienti e i loro familiari.

 

RicettarioAlle ricette è stato aggiunto un tocco speciale, quello della foodblogger “A Gipsy in the Kitchen”, che ha inserito i suoi preziosissimi consigli alle ricette e ormai al fianco della rete di alloggi:

“A Casa Lontani da Casa” sembra già una contraddizione. Come ci si può sentire a casa se non siamo nel luogo che riconosciamo come la nostra tana, che ci accoglie e protegge da tutto ciò che succede intorno a noi? Una missione, quindi: far sentire accolte e sicure persone che stanno soffrendo e che cercano solo un abbraccio di conforto, due parole buone e un piatto caldo che faccia vivere quella sensazione familiare che ci avvolge ogni volta che ci troviamo attorno a un tavolo. Così il cibo diventa sostegno e medicina per l’anima, perché un corpo malato guarisce meglio se è circondato da amore. E cucinare, dalla notte dei tempi, è amore. Troverete le mie note vegetariane a lato di ogni ricetta: perché siamo ciò che mangiamo e dobbiamo introdurre nel nostro corpo tutto ciò che di più genuino esista.”

Dal 22 marzo per l’intera settimana il ricettario è stato disponibile in edicola, allegato a Starbene; non c’è nulla che unisca come il cibo. Culture, tradizioni, persino idee diverse: a tavola ogni differenza si appiana, per lasciar spazio solo al gusto e alla gioia di stare insieme. Cosa c’è di meglio, quindi, che raccontare una storia attraverso una ricetta?

Cucinare insieme ha infatti permesso di condividere storie e tradizioni, pranzare e chiacchierare. Ha consentito alle famiglie di interrompere la routine quotidiana e di non pensare per qualche ora alla malattia: piccoli momenti di serenità e di scambio emotivo con chi si trova a vivere un momento di fragilità; questo è lo scopo di “Le ricette per sentirsi a casa”.

SCARICA IL RICETTARIO

LEGGI LA RASSEGNA STAMPA

“A Casa Lontani da Casa” e JKT insieme per trasportare la solidarietà

 

jkt

JKT, cooperativa sociale milanese che si occupa del trasporto gratuito di disabili, anziani, malati e minori su tutto il territorio nazionale, ha scelto di appoggiare il progetto “A casa lontani da casa”,  mettendo a disposizione degli ospiti un servizio di trasporto dalle case di accoglienza agli ospedali di riferimento.

Gianni Troiano – presidente di JKT – dichiara: “L’ Associazione umanitaria JKT ONLUS è onorata di far parte del prezioso e innovativo progetto – A Casa lontani da casa – e di mettere a disposizione tutte le sue capacità, il suo entusiasmo che da sempre ci accompagna nel nostro operare quotidiano a favore di anziani, disabili, malati e persone svantaggiate a rischio di emarginazione sociale. “

Grazie alla partnership con JKT, oggi la rete ha uno strumento in più per aiutare i propri ospiti: dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle 18.00, i mezzi di JKT accompagneranno gratuitamente i pazienti dalle case di accoglienza agli ospedali dove sono in cura.  Il servizio, completamente gratuito, dopo una prima fase di test è stato esteso, a partire da inizio anno, a tutte le case di accoglienza della rete.

Per offrire una prestazione ancora più efficace, JKT ha messo a disposizione un indirizzo mail e un recapito telefonico a cui i responsabili delle case di accoglienza potranno rivolgersi per prenotare il trasporto degli ospiti, con copertura garantita su tutta la città di Milano.

Per maggiori dettagli: info@acasalontanidacasa.it 

Febbraio 2016

Confidenze racconta la storia di Anna accolta dalla rete di alloggi solidali

“Ho porConfidenzetato mio padre da CAGLIARI a MILANO per la CURA di un tumore. E qui ho scoperto non solo un progetto di ASSISTENZA assai efficace, ma anche un simpatico modo di comunicare: le LINGUE regionali”

Anna, Antonella e i loro genitori, sono stati ospiti di una delle case di accoglienza di PROMETEO Onlus nei mesi scorsi e Anna ha raccontato a Franco Capacchione, per il settimanale Confidenze, la propria esperienza con la rete A Casa Lontani da Casa.

“Per me è straordinario avere un posto dove tornare ogni sera, tanto che ormai lo chiamo casa, lo considero il mio rifugio”- racconta Anna – e aggiunge, “qui posso condividere questa esperienza senza nessuna riserva con Lucia che viene dal Piemonte e ha il marito ricoverato. Ognuna ha la sua stanza e il suo bagno e gli spazi comuni servono per incontrarci, per chiacchierare tra di noi, per  mangiare insieme. Ormai considero  Lucia parte della mia famiglia.”

Leggi l’intervista completa

Gennaio 2016

CREVAL racconta il suo impegno per la rete di alloggi solidali

Paolo Baroli,  Servizio Corporate Identity Qualità e Sostenibilità del Gruppo Bancario Credito Valtellinese, uno dei partners principali del progetto, racconta l’impegno del gruppo a favore della nostra rete di housing sociale.

Creval sostiene A Casa Lontani da Casa dal 2014 sia economicamente che con attività di volontariato. Il Gruppo Bancario, racconta il Dott. Baroli durante il Forum CSR 2015, è dal 1995 che, a livello aziendale cerca di coniugare l’aspetto di attore economico con quello di attore sociale.

 

Guarda l’intervista completa

 

“A Casa Lontani da Casa”: l’opzione degli alloggi solidali

Il Sole24Ore Sanità da spazio al progetto A Casa Lontani da Casa raccontandone i risultati raggiunti dalla sua nascita ad oggi grazie al lavoro in rete di PROMETEO, AVO Milano, LILT Milano e CasAmica Onlus.

 

Laura Gangeri, in qualità di presidente di PROMETEO e  referente del progetto, racconta che “A Casa Lontani da Casa” oltre ad essere una reale risposta a un bisogno fino ad ora poco conosciuto, rappresenta un bellissimo esempio di lavoro di rete tra associazioni che operano nel campo dell’accoglienza dei malati e che promuove la cultura della coesione sociale.

 

Leggi l’articolo

“A Casa Lontani da Casa” si racconta

AvvenireAvvenire con la testimonianza del sig. Stanislao e le parole della dott.ssa Laura Gangeri, referente del progetto, raccontano la rete di alloggi solidali e i risultati raggiunti nell’ultimo periodo: oltre 116.000 pernottamenti offerti e circa 16.000 persone accolte.

Il sig. Stanislao è alla seconda ospitalità in CasaPrometeo, una delle case della rete di alloggi; dopo la prima bella esperienza dello scorso ottobre, moglie e figlia sono nuovamente ospiti per stargli vicino e non dover affrontare così il periodo delle cure da solo.

 

Leggi l’articolo

“A Casa Lontani da Casa” fa ancora parlare di sé

Sette - inserto de Il Corriere della Sera - ricorda i 40 anni di AVO e ne racconta l’operato negli anni: oltre alle 3 milioni di ore di volontariato offerte al fianco del malato, AVO Milano è una delle 4 onlus fondatrici e, grazie ai volontari, è promotrice fin dal suo inizio del progetto ” A Casa Lontani da Casa” negli ospedali milanesi dov’è presente. Leggi l’articolo

 

Intimità – settimanale femminile distribuito in oltre 200.000 copie – racconta la nascita della rete di alloggi e ricorda le modalità per entrare in contatto con le case di accoglienza: visitando il sito oppure chiamando il numero verde dedicato. Leggi l’articolo

 

D – La Repubblica – ricorda il volontariato d’impresa  svolto negli ultimi mesi del 2015 dai dipendenti di Teva Italia a favore delle case di accoglienza. I volontari si sono dedicati a diverse attività: hanno rimesso a nuovo alcune delle case di accoglienza del progetto, cucinato insieme agli ospiti e informato i potenziali beneficiari presso l’Infopoint di A Casa Lontani da Casa all’Istituto dei Tumori di Milano. Leggi l’articolo

 

 

0001    0001 (1) 

 

 

 

 

 

“A Casa Lontani da Casa” ai microfoni di….

radio

 

  • Enel Radio: Laura Gangeri racconta, a nome della rete, dei pazienti e familiari  il progetto sociale.
  • Radio 2:  Ascolta la storia di Rossana, che ha raccontato ai microfoni di Ovunque6  la sua storia e come è entrata in contatto con la rete di alloggi solidali (45:28)  

 

“A Casa Lontani da Casa” su FarmaMese

Laura Gange0001ri, presidente di Associazione PROMETEO Onlus (una delle 4 associazioni promotrici), racconta al mensile la risposta che è stata data al problema della mobilità sanitaria con il progetto “A Casa Lontani da Casa”.

La dott.ssa Gangeri chiede ai farmacisti di divulgare la conoscenza del servizio offerto a chi si reca nella capitale lombarda per visite, cure e interventi, rendendo meno angosciante il “viaggio della speranza”.

Leggi l’intervista su FarmaMese 

Credito Valtellinese racconta “A Casa Lontani da Casa”

PLEIADInovembre2015Credito Valtellinese, dal 2014 sostenitore della rete di alloggi solidali, ha dedicato un articolo sull’ultimo numero de Le Pleiadi, magazine del gruppo bancario.

L’articolo racconta della nascita del progetto e del coinvolgimento di Credito Valtellinese che, per il 2015, ha promosso il progetto sul territorio siciliano attraverso il Credito Siciliano e ha anche coinvolto i suoi dipendenti in attività di volontariato presso le case di accoglienza vicine alla sede milanese del gruppo bancario.

 

CREVAL è un Gruppo bancario che da sempre considera la responsabilità sociale un elemento costitutivo e distintivo del proprio DNA. L’attività del Gruppo è caratterizzata da un crescente impegno e una forte volontà di essere parte attiva nei processi di sviluppo territoriale e nelle iniziative sociali intraprese nell’ambiente in cui opera e in cui vivono dipendenti, clienti e stakeholder.

Leggi l’articolo

Dicembre 2015

“A casa lontani da casa” augura a tutti BUONE FESTE!

Stampa

Ottobre 2015

“A casa lontani da casa” approda in libreria!

0001Curarsi lontano da casa. Mobilità sanitaria e ricettività. Esperienze di Case Accoglienza e proposte di Interior Design.

“A casa lontani da casa” entra in libreria grazie al libro curato da Francesco Scullica, Giovanni Del Zanna e Roberta Co, edito da FrancoAngeli.

.

Il volume racconta nuove soluzioni di ospitalità che coniugano l’Interior Design ai bisogni sociali. Come non citare quindi “A casa lontani da casa“, rete di case che dal 2013 forniscono accoglienza a chi si deve fermare a Milano a lungo per motivi di salute.

.

La seconda parte del libro è dedicata proprio al progetto, alla sua genesi e ai risultati ottenuti. Ampio spazio viene dato poi alle associazioni della rete, al ruolo dei volontari e alle testimonianze di chi ha beneficiato dell’ospitalità delle case di accoglienza.

.

Hanno contribuito alla realizzazione del libro: il dott. Vincenzo Mazzaferro, Direttore del dipartimento di chirurgia dell’apparato digerente e trapianto di fegato presso l’Istituto dei Tumori, Laura Gangeri e Guido Arrigoni, Presidente e Vice Presidente di PROMETEO Onlus, e Simonetta Sborea, Responsabile settore assistenza e volontariato LILT Milano.

.

Interessante l’analisi dei progetti di Interior Design che evidenzia come la progettazione di interni possa offrire un contributo di qualità nella definizione delle Case Accoglienza, migliorando la qualità di vita di chi le abita.

.

Vi aspettiamo in libreria!

Sabato 24 ottobre AVO festeggia a Milano i suoi primi 40 anni!

0001Nata nel 1975 a Sesto San Giovanni da un’intuizione del Prof. Erminio Longhini, A.V.O. – Associazione Volontari Ospedalieri Onlus, da 40 anni assicura una presenza amichevole accanto ai malati, offrendo loro un sostegno caloroso e concreto e rendendo più umano il loro percorso ospedaliero.

.

Per festeggiare questo importante traguardo, sabato 24 ottobre alle ore 10.00 l’Associazione organizza una tavola rotonda dal titolo “L’arte del volontariato” presso il Pavilion dell’Unicredit in Piazza Gae Aulenti a Milano. 

.

All’evento interverranno rappresentanti di Regione Lombardia e Comune di Milano ed alcuni relatori esperti in varie discipline: il prof. Claudio Lodoli, Presidente FEDERAVO, il prof. Benvenuto Cestaro, Direttore della Scuola di Specialità della Scienza dell’alimentazione dell’Università di Milano, il prof. Giorgio Fiorentini, docente di Economia dell’Università Bocconi di Milano, Giuseppe Platone, Pastore titolare della Chiesa Evangelica Valdese di Milano, il critico d’arte e giornalista Philippe Daverio, e il giornalista Giuliano De Risi, esperto di problematiche sociali.

.

In questi 40 anni – ha affermato il presidente Lodoli – l’Associazione ha formato migliaia di volontari che hanno dato il loro determinante contributo ad una sanità dal volto umano, affiancando le strutture pubbliche con una azione di capillare assistenza e conforto dei malati“. Si tratta di un traguardo ambizioso, di un’arte che ha una lunga storia e tradizione e che occorre coltivare per diventare veri “professionisti artisti“.

.

La giornata sarà anche l’occasione per presentare gli avanzamenti del progetto “A casa lontani da casa”, di cui AVO è uno dei partner promotori.

.

Vi aspettiamo quindi numerosi sabato 24 per festeggiare insieme i 40 anni di AVO!

.

0001Anche Isabella Bossi Fedrigotti parla di AVO e di “A casa lontani da casa” sul Corriere della Sera, edizione di Milano.

.

 

Cliccate sull’immagine qui di fianco per leggere la lettera di Maria Saraceno, Presidente AVO, e la risposta della giornalista.

“A casa lontani da casa” entra in Bocconi!

Il progetto “A casa lontani da casa” è stato presentato il 6 ottobre durante il Salone della CSR e dell’Innovazione Sociale all’Università Bocconi di Milano.

 

 Teva Italia e PROMETEO, rappresentate rispettivamente da Silvia Montali e Laura Gangeri, hanno raccontato come aziende profit e associazioni non profit possono collaborare con successo nello sviluppo di progetti innovativi.

 

“A casa lontani da casa” è stato presentato come un perfetto esempio di sinergia tra i due mondi, grazie alla partnership che lega l’azienda farmaceutica a PROMETEO e alle altre tre onlus promotrici del progetto.

Sono state ricordate, in particolare, le giornate di volontariato aziendale che i dipendenti di Teva Italia hanno dedicato ai malati di cancro accolti nelle case di accoglienza dalla rete milanese di “A casa lontani da casa”. 

 

È stato emozionante vedere i dipendenti Teva imbiancare le case che ospitano i malati” – ha ricordato Laura Gangeri, Presidente di PROMETEO onlus.

 

IMG_1642IMG_1670 IMG_1662

Settembre 2015

AcasaLontanidaCasa-Inaugurazione-INFOPOINT-017-500x750L’InfoPoint di “A casa lontani da casa” è sui principali media di settore

La notizia dell’inaugurazione dell’InfoPoint di “A casa lontani da casa” presso l’Istituto Nazionale dei Tumori è stata ripresa dalle principali testate di settore, che ci stanno aiutando a far conoscere il servizio al pubblico di tutta Italia.

Per leggere gli articoli in versione integrale, cliccare sui link sottostanti:

L’Istituto Nazionale dei Tumori inaugura il primo InfoPoint di “A casa lontani da casa”

Uno sportello aperto tutti i giorni e gestito dai volontari delle quattro associazioni che aderiscono al progetto (PROMETEO, AVO Milano, LILT Milano, CasAmica): ha ufficialmente aperto le porte il primo Info Point di “A casa lontani da casa”!

 

L’inaugurazione si è aperta con un momento istituzionale alla presenza del Presidente dell’Istituto Nazionale dei Tumori, Giuseppe De Leo, del Direttore Generale, Gaetano Cosenza, e di alcuni membri del CdA. In rappresentanza delle quattro onlus promotrici sono intervenuti Laura Gangeri, Presidente di PROMETEO, Maria Saraceno, Presidente di AVO Milano, Simonetta Sborea, Responsabile volontariato di LILT Milano, la famiglia Vedani e Stefano Gastaldi, rispettivamente i fondatori e il Direttore Generale di CasAmica Onlus.

 

Situato nella zona del CUP, all’ingresso dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Via Venezian 1 a Milano, l’InfoPoint “rappresenta un aiuto fondamentale ai familiari dei pazienti che devono fermarsi a Milano per motivi di salute“, come ha sottolineato il Presidente De Leo.

 

Ci onora sapere che l’Istituto è il primo ospedale milanese a inaugurare lo sportello e ci auguriamo che lo stesso servizio possa essere replicato in altre strutture sanitarie della città“, ha aggiunto il Direttore Gaetano Cosenza.

 

Grande la partecipazione nel momento della visita ufficiale ai locali dell’InfoPoint: il progetto è sostenuto anche dal Comune di Milano, rappresentato in quest’occasione dall’Assessore Pierfrancesco Majorino e dalla dottoressa Isabella Menichini.

 

La nostra rete è estremamente grata all’Istituto, che ha da sempre manifestato un’attenzione particolare non solo verso le problematiche prettamente sanitarie, ma anche verso tutte le tematiche sociali, mettendo al centro il paziente oncologico” ha spiegato la dottoressa Gangeri a nome di tutta la rete. “Ci auguriamo che, grazie all’InfoPoint, il progetto possa essere sempre più d’aiuto a chi arriva a Milano per farsi curare e non dispone delle possibilità economiche per affittare un alloggio in città“.

 

Grazie all’Istituto dei Tumori per aver ospitato l’InfoPoint e per aver, come sempre, dimostrato una grande sensibilità!

 

IMG_1520

IMG_1542  FullSizeRender

 

 

Partono i V-Days, le giornate di volontariato dei dipendenti di Teva Italia per “A casa lontani da casa”

Piccoli lavori di manutenzione, preparazione di pasti presso le case di accoglienza e supporto informativo nelle strutture sanitarie: sono i V-Days, le giornate di volontariato aziendale che vedranno i dipendenti di Teva Italia impegnati a svolgere attività socialmente utili a favore del progetto “A casa lontani da casa”.

 

Quest’anno gli appuntamenti, che riscuotono sempre un grande successo all’interno dell’azienda sia in termini di partecipazione che di entusiasmo, saranno 16. Le giornate sono state ribattezzate “Aggiungi un posto a tavola“, “Imbianchini si diventa!” e “Accoglimi“. Il personale di Teva Italia lascerà, per un giorno, la scrivania per dedicarsi con solidarietà e calore umano agli ospiti delle case di accoglienza.

 

Sono molto fiero della generosità dei miei colleghi che, ogni anno, mettono a disposizione di chi ha bisogno le proprie energie e il proprio entusiasmo“, ha dichiarato Hubert Puech d’Alissac, Amministratore Delegato di Teva Italia. “Sono dell’idea che iniziative così coinvolgenti possano davvero fare la differenza non solo per chi riceve il sostegno dei nostri colleghi, ma anche per chi decide di dedicare parte del proprio tempo a chi ne ha bisogno. Per questo sono un grande sostenitore delle iniziative di Responsabilità Sociale che la nostra azienda porta avanti da sempre.”

 

Grazie di cuore … abbiamo vissuto una giornata intensa ed emozionante … ringrazio Teva per averci dato questa opportunità … una giornata stupenda che mi ha regalato un’esperienza indimenticabile …”: sono solo alcuni dei commenti rilasciati dalle persone di Teva Italia nelle precedenti edizioni.

 

In bocca al lupo ai volontari dell’edizione 2015!

 

12002843_501832079994703_5183269736750873310_n11143476_506467386197839_1264968192498848865_n11998907_501831963328048_732604138496283698_n12036647_501832036661374_5265649066811964489_n

 

Agosto 2015

“A casa lontani da casa” in onda su SKY!

Immagine4
Anche SKY Italia sostiene il progetto “A casa lontani da casa”.

 

Dal 10 al 23 agosto 2015 lo spot di “A casa lontani da casa” sarà trasmesso, gratuitamente, sui canali della nota emittente televisiva satellitare.

La Gazzetta del Mezzogiorno dedica un’intera pagina al progetto

“A casa lontani da casa”

 

Milano col cuore in mano: così è descritto il capoluogo lombardo nell’articolo uscito l’1 agosto sulla Gazzetta del Mezzogiorno. E’ sempre maggiore, infatti, l’impegno del network di “A casa lontani da casa“, nato per accogliere le persone che ogni anno raggiungono Milano per motivi di salute.

 

Il sito www.acasalontanidacasa.it permette di cercare e prenotare un alloggio temporaneo a Milano e provincia: ad oggi sono 57.000 le richieste di informazioni arrivate tramite il portale, con oltre il 60% degli accessi provenienti dalle regioni del Sud. 16.000 sono state le persone effettivamente accolte nel 2014.

 

L’articolo cita anche l’importante contributo di Teva Italia, che da 4 anni sostiene la comunicazione e la promozione del progetto in tutta Italia.

 

Per leggere l’articolo completo e acquisire ulteriori dettagli, cliccare sulle immagini sottostanti.

 

Gazzetta Mezzogiorno

La Gazzetta del Mezzogiorno

Gazzetta Mezzogiorno2

La Gazzetta del Mezzogiorno

Luglio 2015

 

“A casa lontani da casa” arriva in Sicilia grazie al Credito Siciliano (Gruppo CREVAL)

 

Locandina A CASA in vetrina CS (2)Sono migliaia le persone che ogni anno partono dalla Sicilia alla volta di Milano, in cerca di strutture ospedaliere specializzate, adatte alla cure di cui hanno bisogno. Grazie al coinvolgimento strategico del Credito Siciliano (Gruppo Credito Valtellinese, partner del progetto), il progetto “A casa lontani da casa” è ora promosso in 134 filiali della Sicilia.

 

Abbiamo aderito all’iniziativa per offrire un aiuto concreto alle famiglie siciliane che, oltre alla malattia, devono affrontare tutte le difficoltà legate alle cure lontane da casa che spesso si protraggono nel tempo” ha affermato Saverio Continella, Direttore Generale del Credito Siciliano.

 

In tutti gli sportelli della Banca è ora possibile reperire il materiale informativo (locandina e pieghevole) che illustra il progetto e le modalità di accesso al servizio.

farma7

Farma 7

 

Farma 7 racconta ai farmacisti il progetto “A casa lontani da casa”

 

La rivista Farma 7, organo ufficiale di stampa di Federfarma, questa settimana ha dedicato un articolo al progetto “A casa lontani da casa”, segnalando l’iniziativa a tutti i farmacisti iscritti. Annarosa Racca, presidente di Federfarma, definisce “A casa lontani da casa” un porto sicuro cui approdare, non soltanto per il malato ma anche per chi lo accompagna nel suo viaggio di speranza.

Il farmacista si rivela quindi una figura chiave nella comunicazione e diffusione del progetto.

 

Cliccare sull’immagine per ingrandirla e leggere l’articolo completo.

 

Giugno 2015

CDS jpg

Il Corriere della Sera, ed. Milano

 

“A casa lontani da casa” è anche sul Corriere della Sera di Milano

 

Lina Sotis, celebre firma del Corriere della Sera, cita il progetto “A casa lontani da casa” nella sua rubrica domenicale “Qui Lina”, spiegando come “con qualcuno che ti ama vicino, guarire è più semplice“.

 

Cliccare sull’immagine per ingrandirla e leggere l’articolo completo.

 

BenEssere_giugno2015

BenEssere

 

“A casa lontani da casa” è sul numero di giugno di BenEssere

 

Il mensile dedicato alla salute spiega come sia possibile ridurre i costi del pernottamento fuori casa per coloro che devono soggiornare lontano dalla propria Regione  per sottoporsi a cure mediche specialistiche.

Milano è definita una delle mete “più gettonate” grazie alle  strutture di eccellenza medica presenti sul territorio.

 

Il progetto “A casa lontani da casa” nasce proprio per rispondere alla necessità di creare una rete di sostegno e di solidarietà per pazienti e famigliari.

 

Cliccare sull’immagine per ingrandirla e leggere l’articolo completo.

 

Maggio 2015

Teva Italia, ospite a Terzo Canale Show, racconta la partnership con “A casa lontani da casa” 

ACLDC TerzoCanale ShowDurante la sesta puntata di Terzo Canale Show, programma in onda il giovedì sera su RetEconomy (canale 512 di Sky), Silvia Montali, responsabile comunicazione di Teva Italia, racconta del sostegno di Teva al progetto “A casa lontani da casa”.

Teva Italia, prima azienda farmaceutica al mondo per la produzione e commercializzazione di farmaci equivalenti, è inoltre  un’azienda attenta alla comunità e al territorio in cui opera. Infatti, da 4 anni sostiene il progetto “A casa lontani da casa” e nello specifico, la comunicazione e la promozione del progetto, al fine di permettere a un numero sempre maggiore di persone malate di accedere a questo servizio già prima di lasciare la propria abitazione.

 

 

Guarda l’intervista (min 19:19)

“A casa lontani da casa” torna sui grandi schermi.

locandina ACLDC

RaiPubblicità rinnova il sostegno al progetto “A casa lontani da casa”.

 

Dal 14 al 27 maggio 2015 lo spot di “A casa lontani da casa” sarà trasmesso, gratuitamente e con più passaggi al giorno, nei cinema di tutta Italia.

 

Oltre 470 le sale cinematografiche coinvolte nell’iniziativa.

.

 

 

 

 

 

 

 

Aprile 2015

“A casa lontani da casa” è sul Rapporto Sociale 2014 di CREVAL

CREVAL – Rapporto Sociale 2014

Nel Rapporto Sociale 2014 il Gruppo CREVAL spiega cosa significhi sostenere il progetto “A casa lontani da casa”: rafforzare il senso di responsabilità verso tutti gli stakeholder, accrescere le opportunità di dialogo con i territori di riferimento e contribuire a migliorare il tessuto economico e sociale circostante (cliccare sull’immagine per ingrandirla e leggere la pagina del Rapporto Sociale di CREVAL dedicata al progetto).

 

Il volontariato aziendale di CREVAL con “A casa lontani da casa”

I dipendenti del gruppo bancario svolgeranno diverse attività di volontariato presso le case della rete di assistenza: dal supporto “logistico” al sostegno di tipo “affettivo” per gli ospiti in cura a Milano.  Obiettivo è la creazione di una rete relazionale che permetta alle persone malate di affrontare al meglio il periodo di terapie nel capoluogo lombardo.

 

Ne hanno parlato i quotidiani “La Provincia di Sondrio“,  “Il Giornale di Sicilia” e “La Sicilia“.
(cliccare su ciascuna immagine per ingrandirla e leggere gli articoli)

 

La Provincia di Sondrio 31_3

La Provincia di Sondrio

La Provincia di Sondrio 11_4

La Provincia di Sondrio

Giornale di Sicilia 14_4

Il Giornale di Sicilia

La Sicilia 17_4

La Sicilia

Marzo 2015

Si parla di “A casa lontani da casa” nelle edizioni campane de “Il Mattino”

Il Mattino“, il quotidiano d’informazione più letto nel Mezzogiorno, ha dedicato 3 pagine al problema dei tempi d’attesa troppo lunghi per i pazienti oncologici dell’Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli.

 

L’articolo cita il progetto “A casa lontani da casa” quale esempio di buona pratica e di eccellenza al Nord, verso cui “emigrano” sempre più ammalati provenienti dalle regioni del Sud.
(cliccare sull’immagine per ingrandirla e leggere l’articolo completo)

CREVAL è partner di “A casa lontani da casa”

Accordo CREVAL e A casa lontani da casa

Da oggi “A casa lontani da casa” ha un nuovo partner: il Gruppo Credito Valtellinese (CREVAL). Il 10 marzo 2015 la dott.ssa Laura Gangeri, Presidente di Associazione PROMETEO Onlus, e il dott. Enzo Rocca, Vice Direttore Generale di CREVAL, hanno infatti siglato l’accordo di collaborazione che vede formalizzare e rinnovarsi la partnership avviata nel 2014 tra il gruppo bancario e il progetto di case di accoglienza milanesi.

.

Anche nel 2015 CREVAL sarà quindi a fianco del progetto “A casa lontani da casa”, sostenendo l’iniziativa in modo concreto e coinvolgendo i propri dipendenti in attività di volontariato nelle case di accoglienza appartenenti alla rete.

.

Tra gli obiettivi del Gruppo per l’anno in corso, quello di promuovere il servizio non solo attraverso i propri canali di comunicazione ma anche attraverso le filiali presenti su tutto il territorio italiano, per consentire a sempre più pazienti e famiglie di accedere a questo servizio e gestire al meglio il periodo della malattia, sentendosi a casa anche lontani da casa.

.

CREVAL è un Gruppo bancario che da sempre considera la responsabilità sociale un elemento costitutivo e distintivo del proprio DNA. L’attività del Gruppo è caratterizzata da un crescente impegno e una forte volontà di essere parte attiva nei processi di sviluppo territoriale e nelle iniziative sociali intraprese nell’ambiente in cui opera e in cui vivono dipendenti, clienti e stakeholder.

Febbraio 2015

“A casa lontani da casa” nel circuito Centostazioni

100staz-sito

Dal 2 all’8 marzo 2015 lo spot ACLDC sarà trasmesso dal circuito CENTOSTAZIONI in tutta Italia.

.

Sono coinvolte nel progetto Centostazioni:

. 103 stazioni ferroviarie

· 82 capoluoghi di provincia

· 500 milioni di frequentatori ogni anno

· 1.200 schermi LCD con audio, collegati via satellite su un unico palinsesto o programmabili per una comunicazione differenziata su base territoriale.

.

La pubblicità, in onda ogni giorno per 19 ore (dalle 5 alle 24), è sincronizzata su tutti gli schermi del network, con un’elevata frequenza di passaggi per massimizzare l’efficacia del messaggio.

.

Gli schermi sono stati progettati e posizionati per essere parte integrante degli ambienti della stazione per accompagnare il frequentatore nel suo percorso e coinvolgerlo dal punto di vista sensoriale ed emozionale.

Gennaio 2015

“A casa lontani da casa” va al cinema.

spot rai acasalontanidacasa
Grazie a RaiPubblicità lo spot “A casa lontani da casa” è stato trasmesso gratuitamente nei cinema di tutta Italia, in oltre 230 sale cinematografiche.

 

Lo spot è stato trasmesso più volte con più passaggi per giornata.

 

–       dal 15/01/2015 al  21/01/2015

–       dal 29/01/2015 al  5/2/2015

–       dal 16/02/2015 al 18/02/2015

.

 

 

Dicembre 2014


acldc-rd“A casa lontani da casa” presentato in Regione Lombardia
Venerdì 5 dicembre, in occasione della Giornata Internazionale del Volontariato, PROMETEO ha presentato il progetto “A casa lontani da casa” alla Giornata “Il Volontario per la Salute e per la Famiglia”. L’incontro, organizzato da Regione Lombardia, si è tenuto alla presenza delle autorità; hanno infatti aperto i lavori, il Presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni, e il primo cittadino Giuliano Pisapia. Per la seconda parte della giornata della giornata, Maria Cristina Cantù (Assessore alla Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato – Regione Lombardia) e Pierfrancesco Majorino (Assessore alle Politiche sociali e Cultura della salute – Comune di Milano) hanno introdotto il momento dedicato alle testimonianze delle associazioni premiate. In questa occasione, Guido Arrigoni, vicepresidente di Associazione PROMETEO, ha presentato i passi fatti e lo spot realizzato per la promozione del servizio su territorio nazionale, già in onda dal mese di novembre sulle principali tv nazionali (Rai, Mediaset, La7,…).

A conclusione della giornata, Roberto Maroni, Presidente di Regione Lombardia, ha premiato le associazioni presenti per l’attività che quotidianamente svolgono, a titolo gratuito, nel campo di assistenza sociale e socio-sanitaria sul territorio regionale.

Scarica la locandina e il programma

Novembre 2014

Ai media di settore piace lo spot di “A casa lontani da casa”

La notizia della programmazione dello spot è stata ripresa da diverse testate di settore online, che ci hanno aiutato a promuovere il servizio di ospitalità e accoglienza offerto a chi si reca a Milano per motivi di salute.

Qui di seguito gli articoli usciti su Today, Daily Media, Mediakey.tv, Spot and Web, You Mark!, Tiscali.it, AdV Strategie e Pubblicom Now (cliccare su ciascuna immagine per ingrandirla):

 

 

Pubblicità_Italia_Today_29_10_2014_spot

Today – Pubblicità Italia

DailyMedia_29_10_2014_spot

Daily Media

MediaKey.tv_29_10_2014

Mediakey.tv

SpotandWeb_28_10_2014

Spot and Web

Youmark_it_28_10_2014-1

You Mark!

tiscali_sito

Tiscali.it

AdV Strategie

AdV Strategie

Pubblicom Now

Pubblicom Now

Ottobre 2014

Senza-titolo-1“A casa lontani da casa”: lo spot tv che accoglie i malati a Milano.

Milano, 28 ottobre 2014. “Quando la tua salute o quella dei tuoi cari ti porta a curarti lontano; se la tua meta è Milano, da dovunque arrivi non sentirti solo: a farti sentire a casa ci pensiamo noi. Inizia così lo spot ideato dall’agenzia BAM! e prodotto da Filmmaster Productions, grazie al contributo di TEVA, a favore del progetto “A casa lontani da casa”, promosso dall’associazione PROMETEO onlus, insieme ad altre tre Onlus milanesi.*

 

Ad accompagnare queste parole, la musica di Enrico Cremonesi e delle immagini evocative dei gesti che oltre 100.000 persone compiono ogni anno per raggiungere il capoluogo lombardo per farsi curare: preparare una valigia, intraprendere un lungo viaggio (che molti definiscono “della speranza”), portare con sé alcuni oggetti per sentire, anche lontani, il calore della propria casa.

 

Obiettivo della campagna è promuovere il servizio di ospitalità offerto da una rete di organizzazioni non profit per i malati e per i loro familiari e far conoscere, a chi si reca a Milano per motivi di salute, la possibilità di accedere a case di accoglienza senza scopo di lucro, in cui sentirsi come a casa. Per permettere ai malati e alle famiglie di organizzarsi prima della loro partenza dalla città di origine, le case di accoglienza si sono messe in rete: al sito www.acasalontanidacasa.it oltre 1.100 posti letto (in 84 case di accoglienza gestite da 41 onlus) che ognuno può individuare e scegliere autonomamente sulla base di alcuni criteri come la distanza dal proprio ospedale di riferimento, esigenze specifiche, tipologia di alloggio cercato, numero di posti letto.

 

Lo spot ha ottenuto il Patrocinio di Pubblicità Progresso ed è visibile in homepage al link www.acasalontanidacasa.it

 

30” che mostrano come ci si possa sentire a casa, anche se molto lontano.

.
CREDIT:

Agenzia di pubblicità: BAM!
Direttori Creativi: Gianfranco Marabelli e Alessandro Avi
Copywriters: Gianfranco Marabelli e Alessandro Avi
Regia: Francesco Nencini
Casa di Produzione: Filmmaster Productions
Executive Producer: Michela Gabelli
Producer: Katia Lodetti
Direttore di Produzione: Cristiano Font
Post Produzione audio: Sample
Post Produzione video: EDI Effetti Digitali
Musica originale: Enrico Cremonesi

.
Ad oggi la programmazione dello spot è la seguente:

  • LA7 e LA7d: spot in onda dal 2 al 15 novembre
  • RAI: spot in onda dal 3 al 9 novembre
  • MEDIASET: spot in onda dal 23 al 29 novembre
  • RTV SAN MARINO: spot in onda dal 27 ottobre al 31 dicembre
  • 7GOLD e reti locali: spot in onda dal 1 novembre al 30 novembre
  • Rete8: spot in onda dal 1 novembre al 16 novembre
  • TeleMantova: spot in onda dal 1 novembre al 31 dicembre
  • Brescia PuntoTV: spot in onda dal 1 al 29 novembre
  • TeleArena: spot in onda dal 1 al 29 novembre
  • RTTR: spot in onda a riempitivo dal 1 novembre al 31 dicembre

Grazie alla collaborazione di Rai Pubblicità, lo spot verrà inoltre trasmesso nei principali cinema di tutta Italia.

 

*Il progetto “A casa lontani da casa” è stato realizzato congiuntamente da quattro Associazioni da tempo attive nel sostegno ai malati: PROMETEO, LILT, AVO, CasAmica.

 

Sono importanti partner del progetto: TEVA Italia srl, che collabora alla realizzazione delle attività di comunicazione del servizio al pubblico, Gruppo Filo diretto che mette a disposizione il Numero Verde dedicato e l’esperienza della propria Centrale Operativa, attiva 24 ore su 24, 365 giorni l’anno; Fondazione Cariplo e Chiesa Valdese, che hanno destinato contributi allo sviluppo del progetto.

 

Per informazioni:
Identico Comunicazione – Ufficio Stampa Associazione PROMETEO onlus
Clara Collalti 339 6900479 – Simona Denti 366 2432794
info@identicomunicazione.it

Luglio 2014

GazzettaMezzogiorno_5_7_2014
 

La Gazzetta del Mezzogiorno parla di “A casa lontani da casa”

 

La rete di case di accoglienza per malati e loro familiari sta riscontrando un notevole successo.  E i numeri lo confermano: dopo solo alcuni mesi di attività, 2.000 persone hanno contattato il Numero Verde, 9.000 hanno consultato il portale alla ricerca di informazioni e alloggi e 15.000 hanno visualizzato l’home page. Maggiori informazioni nell’articolo qui a fianco (cliccare sull’immagine per ingrandirla):

Giugno 2014

“A casa lontani da casa”: il fenomeno della “mobilità sanitaria”

Sono più di 100.000 le persone che ogni anno arrivano a Milano e dintorni da tutta Italia per essere assistite e curate all’interno di strutture sanitarie specializzate. Di queste, oltre 12.000 arrivano dalla Sicilia.

Lo raccontano i quotidiani “Giornale di Sicilia“,  “La Sicilia” e “Gazzetta del Sud“, spiegando quanto sia fondamentale il lavoro di chi accoglie i pazienti-pendolari e i loro familiari. Per ulteriori informazioni cliccare sugli articoli qui di seguito:

.

Giornale di Sicilia

La Sicilia

La Sicilia

Gazzetta del Sud

locandina_Giornate-della-Salute_-2014

7 Giugno 2014 – Convegno “Le Reti Informali A Milano: Giornata Del Mutuo Aiuto”

Le Giornate della Salute del Comune di Milano vivranno quest’anno la loro terza edizione. Agli appuntamenti 2014 contribuiranno associazioni, volontari, gruppi di auto-aiuto. Tutti i cittadini sono invitati a partecipare alle giornate organizzate dal comune di Milano per conoscere e per farsi attori, in prima persona, della difesa della propria e della altrui salute..

.

Sabato 7 Giugno 2014 – Ore 9.30 / 12.30.
C/o Sala Appiani/ Parco Arena – Milano

.

Guido Arrigoni, Vice Presidente dell’Ass.PROMETEO interverrà per “A casa lontani da casa” al convegno

.

LE RETI INFORMALI A MILANO: GIORNATA DEL MUTUO AIUTO

.

Clicca qui e scarica il programma

Maggio 2014

Lontani da casa, vicini ai malati: Corriere della Sera racconta il progetto “A casa lontani da casa”

CorseraMI_140525_10_4-1-1

Corriere della Sera – Milano

corriere

Corriere della Sera online

.

Il Corriere della Sera riporta la commossa testimonianza di Cristina Bona, volontaria di CasAmica che da vent’anni accoglie malati e parenti nelle case di accoglienza messe a disposizione dall’associazione.

.

I volontari sono infatti risorsa preziosa e presenza assidua e delicata all’interno del progetto “A casa lontani da casa”. Queste persone sono la riprova di quanto il rapporto umano sia utile ad alleviare la sofferenza e rendere l’attesa meno pesante.

.

Cliccare sulle immagini a fianco per leggere la storia di Cristina e per ulteriori approfondimenti.

Aprile 2014

Guido Arrigoni, Vice Presidente di PROMETEO, racconta ad Avvenire la genesi del progetto “A casa lontani da casa”

Avvenire3_240420_2_2-1

Avvenire

Avvenire

Avvenire online

 

“Oscar” al Comune di Milano per il progetto “A casa lontani da casa”

Il Comune di Milano ha ottenuto una “Menzione speciale per la rilevanza del progetto” nell’ambito del premio nazionale “Oscar della salute 2014, istituito dalla Rete Città Sane – OMS. L’associazione di Comuni, che ha come obiettivo lo sviluppo di programmi sanitari sul territorio nazionale, ha premiato “A casa lontani da casa” per aver dimostrato quanto sia concreta e capillare la realtà milanese di accoglienza delle persone che hanno bisogno di cure specialistiche.

.

Cliccare sulle immagini per leggere gli articoli completi.

liberoquotidiano

Libero

GiornoMI

Il Giorno

repubblicaonline

Repubblica.it

RepubblicaMI

La Repubblica – Milano

Marzo 2014

edisonstart

Premio Edison Start – Categoria Sviluppo Sociale e Culturale

“A casa lontani da casa” partecipa al Premio Edison Start, nella categoria Sviluppo Sociale e Culturale.

Aiutaci a promuovere il nostro progetto, AIUTACI A VINCERE! Votaci! E condividi con gli amici, passaparola! Abbiamo bisogno di tanti voti! La scadenza del bando è il 30 marzo, con il tuo aiuto ce la possiamo fare!

.
Votare è facilissimo, regalaci cinque minuti del tuo tempo:

1 – vai sul sito Edisonstart.it

2 – clicca su VOTA (appena sotto la foto, a destra nella fascia viola) e registrati. Serve solo un nome e un indirizzo email valido

3 – ricevi l’email di benvenuto all’indirizzo che hai registrato, quindi clicca sul link contenuto nell’email stessa, per confermare l’iscrizione

4 – scegli una password (a tuo piacimento) ed entra sul sito del Premio

5 – cerca il progetto “A casa lontani da casa” tramite la casella CERCA e clicca su VOTA Grazie!!

 

Febbraio 2014

teva-acldcTeva per “A casa lontani da casa” – il sostegno a pazienti fuori sede e alle loro famiglie

Teva, prima azienda farmaceutica al mondo per la produzione e commercializzazione di farmaci equivalenti, è da sempre impegnata a migliorare la qualità di vita e la salute dei pazienti grazie alla ricerca e allo sviluppo di farmaci innovativi per ampliare le opportunità di cura per il benessere e la salute di tutti.
Teva Italia ha infatti deciso di sostenere il progetto “A casa lontani da casa”; attenta ai bisogni della comunità in cui opera, racconta del progetto anche sul suo sito, nella sezione riferita alle sponsorizzazioni (www.teva-lab.it).
Per il progetto, Teva sosterrà le attività di comunicazione e promozione; da un lato, assicurandosi che tutta la rete di soggetti (ospedali, associazioni, medici,..) che a Milano accolgono i pazienti conosca il progetto e sia in grado di fornire informazioni adeguate; dall’altro, permettere a un numero sempre maggiore di persone malate di accedere a questo servizio già prima di lasciare la propria abitazione per spostarsi in Lombardia, per alleviare così l’impatto del trasferimento e migliorare la qualità di vita delle famiglie.
L’iniziativa è stata realizzata grazie al lavoro congiunto di quattro Associazioni attive nel sostegno dei malati: AVO Associazione Volontari Ospedalieri Onlus Milano, CasAmica Onlus, LILT Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Milano e PROMETEO Onlus.

 

Gennaio 2014

forum-politiche-sociali

L’intervento del VicePresidente di PROMETEO Guido Arrigoni al III Forum delle Politiche Sociali, si è centrato sulla necessità che Milano dia una risposta unitaria in merito all’accoglienza. Anche alla luce degli altri interventi si è esplicitato quanto sia necessario declinare sul territorio i diversi bisogni dell’individuo in situazione di mobilità sanitaria.

14-01-slide-ACLDC--Forum-Polit-Sociali_DEF-1

forum-politiche-socialiTUTTA LA MILANO POSSIBILE – III FORUM DELLE POLITICHE SOCIALI

Il 28 gennaio 2014, alle ore 14.30 presso la Casa dei Diritti, Via De Amicis 10, a Milano, Associazione PROMETEO ha partecipato, nella figura del suo vice presidente Guido Arrigoni, al III Forum delle Politiche Sociali promosso dal Comune di Milano, presentando il progetto A casa lontani da casa.

Il programma:
28.01.2014 – ore 14.30
Casa dei Diritti – Via De Amicis 10, Milano

La nuova residenzialità, l’uso sociale dell’abitare.
Presentazione dei nuovi progetti

Introduzione Aurelio Mancini, Giovanni Mazzocchi, Cesare Prina.

Con la partecipazione di Guido Arrigoni, Daniela Benelli, rappresentanti del Forum del Terzo Settore e dell’Associazionismo milanese..

Coordinamento: Cosimo Palazzo..

Scarica il programma completo del Forum

Novembre 2013

Intervista a Guido Arrigoni, Vicepresidente di PROMETEO, a OdeonTV per Odeon News, 27.11.13

.

Ottobre 2013

Mercoledì 23 Ottobre 2013, nella Sala Alessi di Palazzo Marino a Milano si è tenuto il Convegno e Tavola Rotonda

“OSPEDALE E DINTORNI”

Un’offerta di servizi per la salute capace di connettere territorio e ospedali

 

 

L’evento ha visto la larga partecipazione di Associazioni, Strutture Ospedaliere, operanti del settore e privati cittadini. I temi dibattuti hanno aperto la strada ad ulteriori sviluppi nel percorso di ottimizzazione della rete di strutture ricettive da parte di malati e familiari.

Si ringraziano tutti i relatori del Convegno e il numeroso pubblico.

 

convegno 231013_1 convegno 231013_2

Convegno OSPEDALE E DINTORNIVisualizza il Programma del Convegno “OSPEDALE E DINTORNI”

 

 

 

CS-OSPEDALE-E-DINTORNIVisualizza il Comunicato Stampa del Comune di Milano

Giugno 2013

acasa-cover

Milano – Il 27 Giugno 2013, nella Sala Stampa “Franco Brigida” di Palazzo Marino si è svolta la Conferenza Stampa per la presentazione ufficiale del progetto “A casa lontani da casa”.

Milano è la prima città italiana a rispondere concretamente a uno dei problemi più scottanti che riguardano la mobilità sanitaria interregionale. Polo di eccellenza nella diagnosi e nella cura di malattie importanti, grazie all’attività di alcune realtà ospedaliere d’avanguardia, Milano riceve ogni anno la visita di 100.000 “migranti sanitari”, che scelgono il capoluogo lombardo per affrontare un lungo percorso di cura. Il fenomeno non riguarda solamente i pazienti ma anche i familiari degli stessi, spesso chiamati a fermarsi in città per lunghi periodi. Se una piccolissima parte si appoggia a parenti e amici (10-15%), la maggioranza dei pazienti non dispone di un alloggio in cui fermarsi al termine della degenza ospedaliera, per proseguire le cure necessarie alla riabilitazione (in particolare legate alle problematiche onco-ematologiche).

.

Ecco allora l’urgenza di creare una rete di sostegno, in risposta a un bisogno reale della città: il progetto “A casa lontani da casa” nasce per rispondere a questa necessità, offrendo gli strumenti per accogliere i malati e i loro familiari. Come se fossero a casa, lontano da casa.

Il progetto è frutto della collaborazione di cinque onlus milanesi da anni impegnate in attività di housing sociale: Associazione PROMETEO onlus, LILT sezione provinciale di Milano, AVO Milano, CasAmica onlus, Associazione Marta Nurizzo.

A questa cordata si è recentemente unito il prezioso sostegno del Comune di Milano, che ha deciso di appoggiare il progetto qualificando a tutti gli effetti Milano come capoluogo aperto all’accoglienza e alla solidarietà..gallery

Con questo progettodichiara Piefrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali e Cultura della SaluteMilano diventa più accogliente anche per quelle persone provenienti da fuori regione e che scelgono la nostra città per curarsi. Le degenze sono spesso prolungate, soprattutto per le problematiche onco-ematologiche e riabilitative, e richiedono periodi di ricovero alternati a brevi dimissioni. In queste situazioni è indispensabile offrire ai parenti e agli accompagnatori, ma talora agli stessi pazienti, soluzioni abitative vicine agli ospedali, confortevoli ed economiche. Il progetto realizza questi obiettivi e l’augurio ai pazienti e ai loro parenti è quello di poterne beneficiare in un percorso di cure che sia il più possibile dignitoso ed efficace”.

.

Se la casa rappresenta uno spazio di individuazionedice Laura Gangeri, presidente di Associazione PROMETEO onlus, “un luogo attraverso cui la persona si definisce e si da’ dei confini, il “vivere lontani da casa” evoca sentimenti legati alla privazione, soprattutto affettiva in particolare quando questa esperienza si lega alla realtà della malattia. Ed è proprio su questa realtà che nasce il progetto “A casa lontani da casa” per offrire una risposta di qualità al fenomeno della migrazione sanitaria nel capoluogo lombardo”.

.

Per la prima volta più di 40 organizzazioni, che operano per l’accoglienza dei malati e familiari, si alleano per rendere più ospitale la nostra città” dichiara Franca Fossati Bellani Presidente LILT sezione provinciale di Milano.

.

Il progetto “A casa lontani da casa” è stato premiato nell’ambito della 1^ Edizione di Sodalitas Social Innovation, il programma ideato da Fondazione Sodalitas per migliorare la capacità progettuale del Terzo settore e dare visibilità alle migliori iniziative di partnership realizzate sul territorio.

.

 

Aprile 2014

Corriere.itCorriere